www.duepassinelmistero.com

 

TEMATICHE:

Aggiornamenti

Alchimia

Antiche CiviltÓ

Archeoastronomia

Architetture

Colonne e Nodi

Due passi nell'Italia nascosta

Due passi nei misteri esteri

Fenomeni Insoliti

Interviste

L'Uomo e Dio

Maestri Comacini

Medioevo e...

Mistero o Mito?

Personaggi

Simbolismo

Simbologia e Cultura Orientale

Storia e dintorni...

Templari "magazine

Ultimi Reports

UTILITY:

Archivio reports

Bacheca

Collaboratori

Extra sito

Libri del mese

Links amici

Ricerca veloce titoli per argomento

SERVIZI:

FORUM

Newsletter

Avvertenze/ disclaimer

 

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Filo conduttore

Il fondatore della Villa e del primitivo assetto del Parco Arboreo, nonchŔ il primo proprietario, fu Carlo Maria Gambarini, che fece realizzare il progetto su disegno dell'architetto Capitanio, in un periodo compreso tra il 1816 e il 1823.In questo lasso di tempo trovarono realizzazione anche l'Oratorio dei SS.Carlo e Teresa (implicitamente dedicandolo a se stesso e alla propria consorte) e il Mausoleo di famiglia.

Non abbiamo grosse informazioni circa l'affiliazione a qualche SocietÓ iniziatica (o massonica) dell'originario proprietario, soltanto che adoper˛ molti simboli in odor di 'zolfo' anche nel suo mausoleo, non solo nella Villa. L'insieme degli elementi osservati,porterebbe(il condizionale Ŕ obbligatorio)a ritenere che un' intenzione simbolica non casuale ci fosse.Una sorta di 'percorso iniziatico' che iniziava con la Villa,al cui ingresso si accedeva da sette gradini (oggi ridotti a sei da ristrutturazioni successive), proseguiva nel Parco, e 'terminava' nel Mausoleo. 

La presenza di queste iconografie (unitamente all'insieme di elementi raccolti) fanno comunque ritenere che chi commission˛ i lavori e chi li realizz˛, la possedesse, una notevole Cultura classica e conoscesse i riferimenti mitologici. Ma non solo. Considerando la disposizione della vegetazione nel Parco arboreo(rispetto alla visuale godibile dalla Villa ma anche come caratteristica intrinseca del Parco stesso), la scelta di determinate piante in determinati punti, la presenza di corsi d'acqua e di un laghetto, una grotta/ninfeo, la presenza di alcune intriganti statue superstiti, l'impiego di una simbolica legata alla sfera ermetica, non si pu˛ esimersi dal pensare che vi potesse essere anche un'aderenza esoterica, alla base. E che si desse importanza alla numerologia e alla geometria, alla simmetria, alla spazialitÓ, alla dimensione umana (microcosmo)rispetto all'ambiente naturale in cui si inseriva (e, per estensione, al macrocosmo), creando in una parola quell'Armonia che l'uomo 'comune' non contemplava.Si tratta perci˛ di una Cultura di 'elite', per il tempo in cui fu concepita.

La Villa appartenne ai Gambarini fino a quando l'unica superstite della famiglia uný il proprio cognome a quello dei Cagnola,per matrimonio e da allora la Villa prese tale denominazione.In seguito ad altra cessione, la proprietÓ passo alla ricca famiglia bergamasca dei Giavazzi.Durante la seconda guerra mondiale venne anche occupata dai nazisti. Rest˛ Villa Giavazzi fino all'inizio degli anni Settanta, quando l'avvocato Giovanni Giavazzi la vendette al Comune per una cifra modesta, comprendendo anche l'immenso parco arboreo secolare. L'Amministrazione ha operato alcune opere di ristrutturazione e oggi Ŕ sede del Municipio di Verdello.Il Parco Ŕ pubblico, e questo fa sorgere da un lato il problema della salvaguardia del patrimonio contenuto all'interno.

 

 

 

                                        dicembre2006

                           www.duepassinelmistero.com

                                   Avvertenze/Disclaimer