www.duepassinelmistero.com

 

TEMATICHE:

Aggiornamenti

Alchimia

Antiche CiviltÓ

Archeoastronomia

Architetture

Colonne e Nodi

Due passi nell'Italia nascosta

Due passi nei misteri esteri

Fenomeni Insoliti

Interviste

L'Uomo e Dio

Maestri Comacini

Medioevo e...

Mistero o Mito?

Personaggi

Simbolismo

Simbologia e Cultura Orientale

Storia e dintorni...

Templari "magazine

Ultimi Reports

UTILITY:

Archivio reports

Bacheca

Collaboratori

Extra sito

Libri del mese

Links amici

Ricerca veloce titoli per argomento

SERVIZI:

FORUM

Newsletter

Avvertenze/ disclaimer

 

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AOSTA:la Collegiata di Sant'Orso   e il Sator                                 
.
 Nella cripta della Collegiata di Sant'Orso, in cui Ŕ stato ritrovato questo mosaico 'magico' si trova un curioso 'passaggio'(segno praticamente inequivocabile che la cripta si addentrava oltre l'attuale limite,verso ovest?), tra il piccolo altarino e il pavimento,Ŕ quasi un foro di forma quadrata scavato nella viva roccia che fungeva -e funge!- per una pratica devozionale antichissima,chiamata del "Musset" in cui- tra fumi d'incenso e di candele-una processione femminile si infila strisciando nel cunicolo per sbucare dalla parte opposta.In tal modo si dovrebbe ottenere un effetto propizio sulla fertilitÓ e un effetto lenitivo contro il mal di schiena. Questa usanza potrebbe far supporre che giÓ anticamente, in epoca precristiana-si credeva che questo luogo avesse proprietÓ energetiche particolarmente rivitalizzanti, e le pietre ritenute sacre. Ritorniamo al discorso che i simboli della triplice cinta e del Sator potrebbero 'contrassegnare' siti di particolare intensitÓ tellurico-energetica della Madre Terra.

 

  • Nella piccola piazza in cui si erge la Collegiata,val la pena ricordare lui,un maestoso quanto spoglio albero che sta lý a far da guardiano da oltre quattrocento anni! Si tratta di un TIGLIO e la sua presenza Ŕ attestata in un dipinto su legno del 1514,che Ŕ conservato nella sacrestia. Il tiglio ha un tronco che misura 1,30 m di diametro e necessita di un sostegno metallico per non crollare. Il Tiglio Ŕ annoverato dai tempi antichi e dai Celti quale albero 'femminile',simbolo dell'amore coniugale: i suoi fiori dal gradevole profumo erano simbolo di amicizia e socievolezza.
  • Un'ulteriore considerazione Ŕ relativa alla festa patronale di Aosta,che si celebra il 30-31  gennaio in onore di S.Orso.Da mille anni,in quell'occasione ogni artigiano espone nelle viuzze i propri manufatti,assai pregevoli e originali(a detta delle guide locali).Durante i festeggiamenti, si beve vino dalla tipica coppa di legno chiamata 'grolla'che-secondo la tradizione-deriva dal GRAAL,il Sacro Calice altamente Simbolico.

Per il SATOR di AOSTA, vi rimando all'apposita sezione...StOurs.jpg (54065 byte)