www.duepassinelmistero.com

 

TEMATICHE:

Aggiornamenti

Alchimia

Antiche CiviltÓ

Archeoastronomia

Architetture

Colonne e Nodi

Due passi nell'Italia nascosta

Due passi nei misteri esteri

Fenomeni Insoliti

Interviste

L'Uomo e Dio

Maestri Comacini

Medioevo e...

Mistero o Mito?

Personaggi

Simbolismo

Simbologia e Cultura Orientale

Storia e dintorni...

Templari "magazine

Ultimi Reports

UTILITY:

Archivio reports

Bacheca

Collaboratori

Extra sito

Libri del mese

Links amici

Ricerca veloce titoli per argomento

SERVIZI:

FORUM

Newsletter

Avvertenze/ disclaimer

 

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cripta del S. Sepolcro ad Acquapendente (VT)

               Galleria fotografica di Marisa Uberti

 

                                      Foto

La cattedrale del S. Sepolcro si trova sulla Strada Francigena, che attraversa la localitÓ di Acquapendente. L'edificio, secondo la tradizione, fu fondato da Matilde di Westfalia nel X secolo, per i pellegrini che per motivi economici o altro non si potevano permettere di ragigungere la Terra Santa. La Basilica con il suo sacello era simbolo del Santo Sepolcro del Redentore a Gerusalemme. L'esistenza di una chiesa e dell'abbazia Ŕ attestata dal 1025; la cripta- di epoca romanica- presenta navate di uguale altezza, coperte a crociera. In origine vi si svolgevano funzioni religiose e al suo interno vi Ŕ il sacello del S. Sepolcro, forse l'elemento pi¨ antico dell'intera costruzione.

Abbiamo dunque due edifici, uno sopra l'altro.

Nella facciata -al di sopra del portale- spicca una grande nicchia dove Ŕ collocata una copia del busto di papa Innocenzo X . La facciata della basilica e la navata centrale vennero rifatte nel XVIII secolo.

La chiesa superiore Ŕ sobria, molto armonica. Vi abbiamo potuto vedere alcuni 'pugnaloni', caratteristici mosaici di foglie, ispirati al tema universale della libertÓ, eseguiti interamente dagli abitanti di Acquapendente; tali opere vengono realizzate in occasione della festa della Madonna del Fiore, che si celebra ogni anno la terza domenica di maggio, venendo esposti per le vie e le piazze del paese, colorandolo di vita.

Anticamente, la costruzione era caratterizzata da due file di pilastri differenti per forma e numero. Attualmente, dei 4 che si trovavano a sinistra, rimangono le basi di diversa fattura (croce lobata, circolare, esagonale); dei tre che si trovavano sulla destra, rimane solo il primo, di forma ottagonale a mattoni.  Divenuta cattedrale nel 1649, dopo la distruzione della diocesi di Castro, la storia della basilica Ŕ rappresentata su tre pannelli di cotto bagnato in rame, che raffigurano l'arrivo della regina di Westfalia, soldati a cavallo in partenza per la I Crociata in Terrasanta (Templari?), la consacrazione della chiesa da parte di papa Eugenio III nel 1149, e infine la distruzione di buona parte della facciata e dell'interno a causa di un'esplosione durante la II Guerra Mondiale (8/6/1944). All'interno, si segnalano due opere attribuite ad Agostino di Duccio (1418-1481), l'Arcangelo Michele che uccide il drago e S, Raffaele Arcangelo con Tobia (ma la loro provenienza Ŕ ignota). In fondo alla navata centrale Ŕ collocato un fonte battesimale in travertino, del 1300.

Al piano inferiore si trova la cripta romanica del X-XI sec.; per la disposizione delle colonne e degli archi Ŕ uno degli esempi pi¨ importanti nel suo genere. Situata sotto al transetto e all'abside, con le sue 24 colonne suddivide la pianta in nove piccole navate, con volte a crociera costolonate che formano una caratteristica T.

I capitelli sono decorati con grande varietÓ e alternanza di figure antropomorfe, zoomorfe, fitomorfe, uccelli, teste d'ariete e di toro; da notare le sirene bicaudate.

Ci sono resti di affreschi del XIII-XV sec., un pregevole altare in terracotta smaltata e dipinta da Jacopo Beneventano (1522) e, al centro della cripta, una  grande scalinata permette di raggiungere il Sacro Sacello a forma di piramide rettangolare, costruito ad imitazione del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Per ulteriori informazioni:

www.lazioturismodoc.it

 

Sezioni correlate in questo sito:

Gallerie fotografiche
Via Francigena

 

 

www.duepassinelmistero.com                                                                                     Avvertenze/Disclaimer

                                                                                      Marzo 2011