www.duepassinelmistero.com

 

TEMATICHE:

Aggiornamenti

Alchimia

Antiche CiviltÓ

Archeoastronomia

Architetture

Colonne e Nodi

Due passi nell'Italia nascosta

Due passi nei misteri esteri

Fenomeni Insoliti

Interviste

L'Uomo e Dio

Maestri Comacini

Medioevo e...

Mistero o Mito?

Personaggi

Simbolismo

Simbologia e Cultura Orientale

Storia e dintorni...

Templari "magazine

Ultimi Reports

UTILITY:

Archivio reports

Bacheca

Collaboratori

Extra sito

Libri del mese

Links amici

Ricerca veloce titoli per argomento

SERVIZI:

FORUM

Newsletter

Avvertenze/ disclaimer

 

 

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL SEGNO DEGLI SCALPELLINI A V╔ZELAY

di Frans Ferzini ę L'Informatore del Marmista-Giorgio Zusi Editore (consultabile presso la Biblioteca ISIC - Internazionale Marmi e Macchine di Massa-Carrara)

 

In un piccolo villaggio borgognone una basilica testimonia il lavoro dei "costruttori di cattedrali".

Basilica di Sainte Marie Madaleine a VÚzelay (foto: F. Ferzini)

VÚzelay Ŕ un piccolo villaggio borgognone dalle stradine in salita che con severitÓ e tenerezza conducono alla basilica di Sainte Marie-Madeleine, la cui mole domina il punto pi¨ alto, nell'attesa immobile e serena della "venuta dei cieli". Dal piazzale la basilica gioca coll'immutato orizzonte, aperto sul susseguirsi delle colline del Morvan e sul fondo della ValÚe de la Cure, da cui Girard de Rossillon stabilii nell' 860 circa, la comunitÓ monacale che porterÓ alla fondazione della basilica di VÚzelay. L'armonia basilicale con la natura circostante mi offre l'esempio sintonico tra realizzazione divina e costruzione dell'uomo, osmoticitÓ che portano all'opera finita. Un negozio vicino, il Magasin du Pelerin, mi rammenta che il monastero Ŕ uno dei quattro punti di partenza delle strade per Compostela: la Via Lemocivensis.

La storia non avrebbe conservato il ricordo di questo monastero se, all'inizio del XI secolo, non fosse sorto un culto straordinario a Maria Maddalena, attorno alle sue preziose reliquie conservate a Saint-Maximin - La Sainte-Baume e qui a VÚzelay. Una moltitudine di pellegrini accorrono per venerare colei la quale "cosý tanto piacque a Dio, il suo amor puro..."; gli scultori si prodigarono a riempire di forme e segni della pi¨ grande tradizione, simbolica spesso occultata e offuscata dalla magnificenza del timpano del nartece e dalle storie narrate nel corteo di capitelli nelle navate. Le tracce pi¨ intime le scopro nel senso simbolico della porta nel nartece e nel luminoso deambulatorio ricco di segni lapidari e di luce.

Superato il portale d'entrata, da quella facciata, la cui struttura originale del 1150, Ŕ stata variata con un'aggiunta di un frontone gotico nel 1250, si accede al nartece sulla cui parete ovest, un secondo portale Ŕ campeggiato da un maestoso timpano in cui la figura del Cristo, si muove nella sua forma ieratica e allargando le braccia afferma: "Io sono la porta!". Dalla penombra del nartece si apre un cammino luminoso, ritmato da colonne che conducono la pacatezza luminosa all'intensitÓ sfavillante del coro. Ci˛ che pu˛ apparire separazione Ŕ in realtÓ di sorprendente continuitÓ.

Vista dal nartece (foto: F. Ferzini)

 

I costruttori conferirono alla pietra l'idea della continuitÓ progressiva dal peso oscuro alla leggerezza totale della luce.

Ecco il particolare senso di "passare" dalle tenebre dell'ovest alla luce del sole nascente, trionfo definitivo del Cristo sulla morte. Non a caso il nartece era definito nel XII secolo, "Galilea", proprio perchŔ il Cristo dicendo a Maria Maddalena "Io vi preceder˛ in Galilea" precisa che la Galilea Ŕ il "Luogo del passaggio", la "Porta stretta" che conduce alla resurrezione. "Luogo di passaggio" era pure in aramaico, il luogo in cui Giovanni battezzava e nel quale design˛ Cristo come Agnello di Dio; chi varca la soglia del nartece della Maddalena Ŕ accolto da una chiarificazione dell'occhio e dell'anima.

La contrapposizione al regno della morte Ŕ quello dell'est, lÓ ove il coro diviene deambulatorio nel continuo spaziale che dal colonnato delle navate s'innesta, morbido ed armonico nelle graziose cappelle disposte a raggiera, in un inseme di universale geometria.

           

             Navata della chiesa (foto: F. Ferzini)

Ordine, misura e bellezza, sono le regole compositive da imitazione dell'opera di Dio, il costruttore medievale, affascinato dalla bellezza universale vuole edificare "l'anticamera del cielo", come Salomone costruisce secondo totale sottomissione alle norme fissate dal cosmo il quale "...narra la gloria di Dio e l'opera delle sue mani annunzia il firmamento" (Salmo 18,2).

Vista dai costoloni del deambulatorio (foto: F. Ferzini)

E' qui, nel deambulatorio, che lo scalpellino ha impresso il suo marchio compagnonico, una misteriosa pentalfa, stella dal segreto del numero d'oro, marchi personali e soprattutto foglie lobate scolpite in pieno fusto colonnare, antico simbolo corporativo il cui segreto Ŕ addirittura radicato nei pi¨ profondi arcani d'origine celtica: la ConfÚdÚration Eduenne dei Centonaris. Tutti segni comunque a definire il senso profondo dell'esser costruttori di cattedrali, percepibile tuttavia in ogni plastica romanico-gotica, nei costoloni, nelle modanature e nei rapporti di passaggio tra basamento, fusto e capitello e in ogni luogo ove il rapporto chiaroscurale sia evidente. Rapporto non solo atto a dichiarare il valore volumetrico dei corpi, ma soprattutto la simbologia tradizionale di "vita dell'uomo", l'ambivalenza di "materia lavorata" la pietra e l'anima umana.

cliccare per ingrandire

Marche di scalpellini:
           1) pentalfa
           2) marca fogliata
           3) marca semplice
           4) marca trifogliata      ( foto Frans Ferzini)
 

Non a caso, quegli scalpellini che hanno "firmato" le colonne del coro, sono ancora quelli di oggi che presso i Compagnons du Devoir de LibertÚ, hanno l'appellativo di Loup dal momento che il lupo Ŕ animale apollineo, figlio di tenebra e come luce esce dall'ombra divorandola, crea brani di luminosa speranza contrapposta agli oscuri pozzi della coscienza.

(Autore:Frans Ferzini www.ferzinifrans.com )

 

Sezioni correlate in questo sito:

Architetture
Simbolismo

 

www.duepassinelmistero.com                                                                                       Avvertenze/Disclaimer

                                                                                          Gennaio 2011